LA PREVISIONE

IN COLLABORAZIONE CON METEONETWORK

 

Dal 1° gennaio 2018 le previsioni PRETEMP cambiano. Il dominio di previsione non è più solo il Nord Italia come è stato da agosto 2015 fino a questo momento, ma si estende a tutto il territorio italiano. Inoltre cambia in modo profondo il format delle previsioni, allo scopo di risolvere alcuni problemi che si erano incontrati riguardo ad un’adeguata comunicazione della previsione di temporali forti. Il nuovo prodotto spera di essere di immediata e facile lettura per qualsiasi utente si approcci ad esso, ma allo stesso tempo c’è l’ambizione di presentare alcuni dettagli più approfonditi per il pubblico più esperto, evidenziando sempre i limiti intrinseci di una previsione di questo tipo.

I punti di riferimento che hanno portato ad elaborare questo modello di previsione sono stati principalmente ESTOFEX (European Storm Forecast Experiment) e SPC (Storm Prediction Center), l’organismo che effettua previsioni per temporali forti negli Stati Uniti: il tutto adattato alle caratteristiche dell’Italia e all’esperienza maturata negli ultimi anni di previsione temporali forti dapprima per il Nord Italia e poi sull'intero territorio nazionale.a.

PRETEMP ha infine ritenuto opportuno convergere un unico prodotto previsionale PRETEMP-METEONETWORK al fine di unire sforzi e conoscenze procedendo in aggiunta da maggio 2017 alla verifica delle previsioni e alla validazione.

La previsione è basata su quattro livelli di pericolosità, suddivisi dalle fasce di probabilità presenti nella tabella 1 a piramide. Ad ogni livello è associato un colore caratteristico:

  • livello 0: GIALLO
  • livello 1: ARANCIONE
  • livello 2: ROSSO
  • livello 3: VIOLA

 

Tabella n. 1

 

La suddivisione tra temporali generici, forti o molto forti è effettuata seguendo la tabella n.2: per catalogare un temporale come forte o molto forte è sufficiente uno dei quattro fenomeni.

 

Tabella n. 2

 

La previsione PRETEMP è costituita da quattro parti:

  1. cartina nazionale
  2. tabella dei livelli di pericolosità
  3. testo sintetico
  4. testo approfondito.

 

1. CARTINA NAZIONALE

La cartina di previsione è la seguente. A destra, sotto i loghi di PRETEMP e Meteonetwork, è presente la legenda dei livelli di pericolosità. È inoltre inserita una legenda per la verifica della previsione.

Immagine n. 1

 

2. TABELLA LIVELLI DI PERICOLOSITÀ

La cartina di previsione è corredata da una tabella di approfondimento in cui si cerca di evidenziare il livello di pericolosità per ciascun fenomeno nelle diverse aree. Ad una zona è dunque associato il suo livello di pericolosità e il/i fenomeno/i per cui è stato emesso tale livello (attraverso un segno +). Verrà inoltre specificato il livello di pericolosità degli altri fenomeni non corrispondenti al livello massimo per quell’area. Il significato del livello di pericolosità associato ad un fenomeno è da ricercare nelle tabelle n.1 e n.2.

Un esempio di tabella dei livelli di pericolosità è proposto nella Tabella n.3

Zone di rischio Forti piogge Grandinate Forti venti Tornado

Lazio, Campania, Calabria settentrionale

2 1 2  1/0*

S Piemonte, Liguria, Lombardia, Valle d'Aosta

0 - - -
Note: * trombe marine o altro

Tabella n. 3

 

L’interpretazione della Tabella n.3 è descritta negli schemi n.1, n.2, n.3

Schema n. 1

 

 

Schema n. 2

 

 

Schema n. 3

 

3. TESTO SINTETICO

Il testo sintetico è lungo poche righe e indica dove sono possibili temporali o temporali forti e in quale momento della giornata. È scritto nella maniera più semplice possibile, in modo che possa essere compreso da qualunque utente.

 

4. TESTO AVANZATO

Il testo avanzato è più specialistico. Il previsore motiva alcune scelte che ha fatto nella previsione, indicando anche eventuali dubbi e perplessità. Si possono inoltre trovare indicazioni sulle tipologie di temporali più probabili e qualche chiarimento riguardo ai fenomeni possibili.

 

PRETEMP *** 27/08/2021 ***

Licenza Creative Commons
Questa previsione è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.